mercoledì 21 dicembre 2016

Eguìche o cinùrio nùmero tis "i Spitta".
Sta khorìa tis Grecìa Salentina ti' sòzete vrichi stes edicole.

Ti' sòzete meletisi o fsefortosi apu tutto link:





martedì 2 agosto 2016

Estei n'àgui o cinùrio numero a'ti "i Spitta"


ti sòzome meletisi apà sto sito web:

mercoledì 6 aprile 2016

La famiglia





Singolare
Plurale
Esempi
O ciùri  - padre
E ciùri
O ciùri fònase to pedì = il padre chiamò il figlio
E (i) mana - madre
E mane
E mana ecùi Maria = la madre si chiama Maria
To pedì - figlio
Ta pedìa
Ta pedìa epàne sti scola = i figlii vanno a scola
E (i) khiatèra - figlia
E khiatère
E khiatèra ene e mali apossu = la figlia è la grande di casa
To corasi - signorina
Ta corassia
Ta coràssia ene ola òrria = le ragazze sono tutte belle
To paddhicari - giovane
Ta paddhicària
To paddhicàri polemà = il giovanotto lavora
O pappo - nonno
E pappi
O pappo ecùi Ntoni
E nanna - nonna
E nanne
E nanna ine avdomìnta khronò = la nonna ha 70 anni
E tìa – la zia
E tìe
Utto mai ene tis tìa-mu = questa camicia è di mia zia
O tìo – lo zio
E tìi
O tìo-mmu o Pavlo etàrafse = Mio zio Paolo è partito
E dichì-mmu – i miei
E genituri
E dichì-mmu en ine apu Martana = i mie genitori non sono di
O petterò – il suocero
E petterì
E petterì dichi-mmu polemùne es campàgna
E petterà - suocera
E petterè
E petterà-mmu tin lene Pàpena
O grambò - genero
E grambì
O grambo – tti ene o Luìsci tu rizzu = il suo genero è Luigi Rizzo
E grambì - nuora
E grambè
E grambì-ssu tin avrìzune Lcùddhena = tua nuora  e soprannominata Licùddhena
O cagnao – il cognato
E cagnai
E cagnài-ma nastìsane tèssera pedìa = i nostri cognati hanno allevato quattro figli
E cagnata
E cagnàe
E cagnàe-mmu ene ole afsilè = le mie cognate sono tutte alte
O àntrepo
E antròpi
E antròpi epàne es tin mesi = gli uomini vanno in piazza
E ghinèca
E ghinèche
E jinèche epàne stin agglisìa = le donne vanno in chiesa
O andra
E andri
Ta khèria tu andrù-ti (t’àndra-ti) = le mani di suo marito
E aderfì - La sorella
E adreffè
E adreff ì– mu ene condì = mia sorella è bassa
O adreffò - Il fratello
Ta adrèffia
O adreffò-mmu ene  patera = mio cugino è prete
O fsadreffò - Il cugino
Ta fsadrèffia
Kherètiso ‘a fsadrèffia-mu
E fsadreffì - La cugina
E fsadreffè
Ìcusa tes fsaderfè – mmu = ho sentito le mie gugine
To redo – il figlio
Ta redi
Ekho stennù motti imone redo = mi ricordo quando ero piccolo

Lòja:  fonàzo =  chiamre; acùo = sentire; lèo= dico; avrìzo = ingiuriare. Pào = andare; polemò = lavorare;  taràsso = partire; nastènno = allevare; kheretò = salutare.
E scola =  scuola;  apò = di, da; essu = casa, dentro; òrio = bello; avdomìnta = settanta; to mài = camicia; E campagna = la campagna; to corafì  = campo, podere; afsilò = alto ; e mesi = la piazza, il centro; e agglisìa = chiesa; e khèra = mano; condò; basso; o patera = prete; stennù = a mente.

Corso di grico

Corso di grico

Materiale didattico Lezione n° 1

E "i Spitta" tu Pascatu 2016




Sòzete meletisi oi sòzete fsefortòsete to giornali apò:

mercoledì 17 febbraio 2016



Ncignà sti protinì tu martìu sti scola primaria apu Martana a' corso fse grico.
O corso ene anittò es olò.


sabato 19 dicembre 2015

Eguenni avri,  ciuriacì ìkosi, sta khoria tis Grecia Salentina e "i Spitta" tu kristù 2015


Sòzete fsefortosi tutton numero a' to sito web: http://www.rizegrike.com/spitta.php 

ES TUTTON
NUMERO:
La Battaglia di Rimini..........................1
U Kristù................................................1
E Antropi tu Gricu................................2
A Gianni De Santis...............................2
Guerra ce Terrorismo............................3
Gr. Salentino e Calabro a Confronto.....3
O Fiacco Zzari.......................................4
O Grico apà sto Internet................... .....5
Rukha ston Ànemo.................................5
Mia Amilìa ja cinu pu Meritèune...........5
Diàviche ‘o Calocèri..............................6
J’A Dicòmma.........................................8
Proverbi..................................................8